Amadesi Carlo e Martina

Carlo Maria Amadesi

Torino 1952, direttore e pianista, è un apprezzato musicista e docente di pianoforte al conservatorio “G. Verdi” di Torino. Oltre alla didattica ha ricoperto il ruolo di commissario di Concorso Nazionale per incarichi d’insegnamento nei conservatori italiani. Dopo una ventennale attività concertistica nel mondo, spesso collaborando con l’Istituto Italiano di Cultura di alcune delle principali capitali europee e americane, da circa un decennio si occupa di offrire delle occasioni per esibirsi a molti artisti di alto livello. Autore di articoli, saggi e curatore di stagioni concertistiche, coordina una rivista on line che tratta argomenti culturali di vario genere consultabile all’indirizzo: www.piccoloauditoriumparadisi.com. Ha pubblicato per la Lorenzo Editore L’interpretazione (2002) ovvero “Riflessioni sul modo di suonare il pianoforte”. Dirige l’Ensemble Orchestrale Giovanile di Torino.

Martina Celeste Amadesi

nata nel 1988, ha conseguito il diploma accademico di violino al conservatorio “G. Verdi” di Torino. Arricchisce la sua formazione con grandi artisti (Rostropovich, Brodsky, il Quartetto di Tokyo, Accardo, Pavel Berman), e ancora studente debutta come solista nel 2005 con il concerto per violino e orchestra di Mozart in Sol magg. K 216, cui seguirà il concerto per violino, pianoforte e orchestra di Mendelssohn, entrambi ripresi da Rai 3. Ha suonato nell’orchestra delle cerimonie di apertura e chiusura delle Olimpiadi di Torino 2006 e nello stesso anno l’ambasciata d’Italia la invita in Perù per una tournée di concerti in duo col pianoforte. Ha collaborato con l’orchestra del conservatorio di Torino, con l’Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte, con l’Orchestra della Valle d’Aosta e con l’Orchestra Sinfonica Internazionale d’Abruzzo. Da solista ricordiamo il concerto in Re magg. K 218 di Mozart, il concerto RV 213 di Vivaldi e le variazioni dal Mosè di Rossini di Paganini. Ha inoltre tenuto importanti concerti sinfonici con l’Orchestra Giovanile Italiana e collaborato con formazioni cameristiche di alto livello. Nel 2013 inizia una collaborazione in Russia con le Filarmoniche di Novosibirsk e San Pietroburgo.

Opere pubblicate

Piccole composizioni musicali

Opere pubblicate