Prosegui





La password verrà inviata via e-mail.

Carrello

Il carrello è vuoto

NEOS Edizioni » Latest books » Natale a Torino. Quindici storie e un piatto di agnolotti

Natale a Torino. Quindici storie e un piatto di agnolotti

Natale a Torino. Quindici storie e un piatto di agnolotti

Autore: AA.VV. – Natale a Torino

Prezzo: € 14.00

Prezzo acquisti on-line: € 11.90

Loading Updating cart...

Contenuti:

A cura di Teodora Trevisan

Racconti di: Renata Allìo, Giusi Audiberti, Graziella Bonansea, Claudio Broglio,   Elena Cappellano, Giovanni Casalegno, Nicoletta Coppo, Graziella Costanzo,       Paolo Fiore, Gianfranca Fra, Federico Jahier, Nella Re Rebaudengo,                 Emanuela Riganti, Franca Rizzi Martini, Teodora Trevisan.

Prefazione di Luca Ferrua

Quindici storie intorno al pranzo dei pranzi, quello natalizio; un succulento carico di suggestioni, sentori e sapori racchiusi in un contenitore letterario nel quale ogni lettore può trovare sentimenti, memorie ed emozioni vicini alla sua esperienza, per commuoversi o per sorridere.

I quindici autori che si sono cimentati a intessere i racconti per questa quarta edizione di Natale a Torino, offrono al lettore, ciascuno con la propria peculiare scrittura, interpretazioni e sguardi diversissimi fra loro, ma mai indifferenti che percorrono Torino e il Piemonte nel turbine del periodo natalizio.

Dagli agnolotti “firmati” di via Lagrange al couscous di Mustafa, dalla tradizione piemontese più stretta all’incontro tra diverse culture, dai ricordi familiari teneri e commoventi alle invenzioni narrative più ciniche e beffarde, questo libro ci fa viaggiare, divertire, ricordare e sperare in un futuro migliore.

Una serie di deliziose ricette proposte dal Pastificio Defilippis, dai ravioli agli agnolotti, dagli gnocchi ai paccheri, suggeriscono il migliore e più affettuoso modo di festeggiare il Natale: intorno alla una tavola imbandita con le persone che amiamo.

…Il piatto che papà preferiva in assoluto erano gli agnolotti di carne. Quelli di sua madre, mia nonna Cettina.

Benché il nome Concetta le fosse arrivato da qualche bisnonna emigrata dal Sud, nonna Cettina era la quintessenza della torinesità. … La cucina piemontese era la sua gioia, ma il piatto che le riusciva meglio erano proprio gli agnolotti.

Il giorno prima di Natale arrostiva le tre carni, brasava la salsiccia, sfumava col vino bianco, sminuzzava le verdure con la mezzaluna, preparava il brodo con la gallina vecchia. Poi passava alla pasta, buttava sul tavolo di marmo della cucina la farina e le uova, impastava e rimpastava, la pizzicava veloce, la tirava sottile col mattarello e infine vi disponeva i mucchietti delle carni e verdure cotte insieme che ricopriva con la seconda sfoglia, con l’amore di una mamma che rimbocca la coperta alla sua creatura quando va a letto.

Formato 12 X 20
Confezione brossura
Pagine 160
Prezzo di copertina 14.00
Collana Altre/storie
ISBN 9788866082002

Collane