Prosegui





La password verrà inviata via e-mail.

Carrello

Il carrello è vuoto

NEOS Edizioni » Saggistica varia » Soggetti al tempo della precarietà

             Soggetti al tempo della precarietà

Soggetti al tempo della precarietà

Autore: CEPSI – Centro Psicoanalitico di trattamento dei malesseri contemporanei

Prezzo: € 13.00

Prezzo acquisti on-line: € 11.05

Loading Updating cart...

Pagine132 pagine

Formato20x12

Rilegaturabrossura

Contenuti:

BIOGRAFIA
Esiste un senso dilagante di precarietà che tocca le persone di ogni età e condizione sociale, particolarmente i giovani. La precarietà socio-economica si annoda con quella che è possibile definire una “precarietà simbolica”, legata alle caratteristiche del sociale che ci circonda: il tramonto degli ideali e dei riferimenti ad un sistema e ad autorità solidi. Dipendenze dai più diversi oggetti (droghe, farmaci, cibo, oggetti di consumo, gioco d’azzardo), depressioni, attacchi di panico, ma anche condizioni soggettive di deriva, di isolamento, di disorientamento, di disinserimento o disinserzione dai legami, di violenza di fronte alle differenze che divengono intollerabili sono alcuni dei nomi di quelli che si constatano essere gli effetti di questa precarietà simbolica, caratterizzata dalla difficoltà o dall’impossibilità di definirsi soggetti dotati di risorse e quindi di poter prendere delle decisioni, compiere scelte e atti soggettivi. Ma, come si legge nella Prefazione al testo: “la precarietà non ha come sola conseguenza l’instabilità che rende ansioso il nostro modo di vivere. Precario infatti, all’origine, è ciò che è ottenuto attraverso la prex, la preghiera, e che proprio in quanto concesso dall’Altro non dura per sempre. La precarietà implica dunque una spinta a riaffermare la domanda, a riconnettersi con l’Altro al di là della sua inesistenza, a uscire dall’autoerotismo dei sintomi contemporanei, dove rimpinzare gli appetiti del desiderio è semplicemente una strategia biopolitica di silenziamento. I confini tra clinica e politica, nel nostro campo, sono sempre più intrecciati e, come il presente volume aiuta a fare, dobbiamo riuscire a vederlo con sempre maggiore chiarezza”.

Collane